Terni LeagueStagione 2018/2019
(Maschile)
Calcio a 7

Serie B (Clausura)

Archivio news 21/05/2019

Congiunzione astrale: Il trionfo è dell'Aston Birra! "Dramma" Fravì-Kan

CALCIO A 5 - SERIE B GIR. B. La formazione trascinata dal talento di Andrea Caromani s'impone contro il Conad Arca sfruttando al meglio la doppia debacle di Real Fravì Amelia e Kantuccio, godendo così di un clamoroso trionfo al fotofinish. Decisivo il gol di Mazzetto. Il Real Fravì Amelia in una partita epica e drammatica, subisce il gol del portiere Federici che traina il Borus Snai ai Playoff. Il Kantuccio ha il match point in tarda serata, ma uno stoico Gambaletta rimonta, vince e si salva. Retrocede in C il PetStore. Vi raccontiamo tutto

Calcio a 5 - Serie B Gir. A - Una storia incredibile di uno dei campionati più belli, incerti, e appassionanti di tutta la storia del Terni League. Andiamo con ordine. Ieri vi raccontavamo tutte le possibilità e le combinazioni a cinquanta minuti dal termine. Il dato di fatto, di base, è che il Real Fravì Amelia aveva il destino nelle proprie mani, e nel match che apre la serata alle ore 20.30 contro il Borus Snai, sembra saperlo e inciderlo sul campo di gioco. Sembra però, appunto. Perchè la formazione di Vignandel e mister Mencarelli dopo una partenza flash fatta di tre gol nei primi 10' di gioco, si fa rimontare fino al 3-3 a cavallo tra la fine della prima frazione di gioco e l'inizio della seconda. Intanto inizia il match di Passepartout tra Aston Birra e Conad Arca Futsal, con la vittoria parziale di quest'ultimi che lascerebbe fuori dai Playoff il Borus Snai e permetterebbe di godere di un vantaggio residuo sulle rivali gli amerini. 
Tuttavia, Andreuzzi al minuto 25 e 30 secondi, ossia ad inizio recupero, trova un angolo impossibile anche per un superbo portiere Federici, donando quello che sembra (ma non sarà) il gol del trionfo amerino. Palla a terra, portiere di movimento, e succede di tutto. Federici da portiere di movimento da il là a Temperoni, che serve Ricci in mezzo che fa 4-4. Il pari potrebbe bastare al Borus (in caso di mancava vittoria di un Conad Arca che però in quel momento sta vincendo), ma di certo non basta al Real Fravì Amelia che dovrebbe poi contare sulla doppia non vittoria delle sue due rivali. Ed è così che arriva quello che rende tutto ancor più incredibile. Colasante calcia in porta, Federici la tiene sulla linea di porta: tutti sono avanti, anche il portiere Ortolani, e Federici decide di beffarlo calciando direttamente in porta un pallone che, fatalità, s'infila a perfezione donando il trionfo giallo-nero, che si porta così ai Playoff, e di fatto fa perdere il campionato al Real Fravì Amelia. 
Ci spostiamo a Passepartout, dove l'Aston Birra pareggia dapprima i conti sul Conad Arca, poi coglie il colpo del sorpasso con Luca Mazzetto. La vittoria dona loro quantomeno il secondo posto, ma c'è ancora speranza. Questa speranza si chiama Gambaletta, che nell'ultimo match del Campionato ha l'obbligo di vincere per portarsi ai Playout salvezza ed evitare la retrocessione. Il Kantuccio è senza Anetrelli e Toscani, ma nonostante ciò fino a metà secondo tempo godono del vantaggio per 4-2. Il Gambaletta sembra cedere, anche e soprattutto ai nervi (suo storico "problema"). Ma nel momento più difficile non perdono il lume, e riescono a compiere una clamorosa rimonta fino al 4-6 finale, che salva i granata, fa scivolare al terzo posto il Kantuccio, e soprattutto, fa trionfare Aston Birra che vince il Campionato di Serie B Girone A, e viene così promosso nella Serie A della prossima stagione. 
Pensate: al Fravì sarebbe bastato anche il pari alla luce di questi risultati. Congiunzione astrale. Godimento Aston Birra, con una festa assai improvvisata poichè imprevedibile ai nastri di partenza. L'Aston Birra, partendo dal terzo posto, a cinquanta minuti dal termine, si ritrova poi in vetta, in un campionato dove la parola "sorpresa" c'è sempre stata in ogni giornata. 
Tiriamo un pò di somme finali:

Per l'Aston Birra è un successo figlio di un percorso continuo. Solo nel finale di Campionato la squadra di Caromani si era vista in difficoltà, con un solo punto raccolto in tre sfide, dove i KO con Borus Snai e Fravì, e il pareggio con il Gambaletta, sembrava aver tolto verve e morale ad una squadra che per larghi tratti del campionato, sembrava dominarlo. E' la vittoria dell'esperienza, di un gruppo unito da anni di futsal condiviso, che è riuscito ad andare oltre la clessidra del tempo confrontandosi con squadre giovani e rampanti (come il Kantuccio), ma anche contro "alterego" come lo stesso Fravì. E' una vittoria che porta la grande firma di Andrea Caromani. Il talento, tornato al Terni League e ripartito dalla C, mantiene la promessa e in un anno è il leader tecnico della doppia promozione granata. Se nell'Apertura ci sono voluti i Playoff, in questo Clausura è trionfo dalla porta principale, per lui, che di vittorie al fotofinish nei nostri campionati, se ne intende eccome. 
Il Real Fravì deve accontentarsi dei Playoff dalla finestra principale del secondo posto. Ma ora il ruolo più delicato per Vignandel e Mencarelli, sarà quello di ri-temprare i propri ragazzi, perchè reagire dopo una scoppola così infernale sarà dura. Al Fravì è mancato il tassello finale, anche se qualche avvisaglia di incertezza la si era riscontrata già contro il Kantuccio, quando questi ultimi nel recupero avevano rimontato due gol fino ad arrivare alla sciocchezza di Toscani. Il Fravì ha giocato una buona partita contro il Borus Snai, ma non è bastato a trionfare, e ora ci sono i Playoff. Riusciranno a risalire la china?
Il Kantuccio deve recriminare. Tanto. Più di tutti forse. Ma è il rovescio della medaglia di un gruppo tanto qualitativo e valevole, quanto giovane e inesperto. Perchè la gara con il Fravì è stata letteralmente buttata via, e di conseguenza ha anche condizionato l'epilogo di ieri sera contro un Gambaletta al completo e che ha venduto cara la pelle. Il Kantuccio dovrà ripartire subito dai Playoff, ma se correggono alcune sfumature caratteriali, potrebbero essere la squadra da temere nella fase finale.
Borus Snai e Conad Arca hanno dato vita ad un testa a testa emozionante per l'ultimo pass Playoff. Il Borus ha dimostrato, nel complesso, di avere maggiori qualità: è l'unica squadra del campionato ad aver battuto almeno una volta tutto il terzetto di testa. Ai giallo-neri è mancata la continuità (perchè prestazioni come quelle di ieri ne han fatte poche in stagione) per fare qualcosa di più, ma l'accesso alle fasi finali è complessivamente meritato. Nulla da togliere al Conad Arca. Il progetto sportivo del Patron Arca sta dando i suoi frutti: la squadra ha una sua identità, gioca e si diverte senza troppi assilli come in passato. I Playoff sono sfumati, ma l'obiettivo consono era quantomeno mantenere la Serie B, e questo è centrato.
Il Voodoo People sembrava avesse in tasca i Playoff, poi ha mollato, psicologicamente soprattutto. Un peccato per un gruppo che ha dimostrato a tratti di avere un gioco stoico e romantico.
Retrocede il PetStore Conad, e se pensiamo che a Febbraio si sono giocati la finale Playoff, sembra tutto molto surreale. Ma è il bello di un girone difficilissimo, dove non ci sono mai stati anelli deboli. I ragazzi di Trappetti ripartiranno, e lo faranno con forza ne siamo certi. Se guardiamo l'aspetto tecnico-tattico, a pagare è stata la costanza (di presenza) di alcuni uomini decisivi e di qualità assoluta. Il Gambaletta si salva (per ora) quando ha capito (forse) che per vincere certe partite in Serie B non serve il nervosismo. Perchè questa squadra ha tanta qualità. Recuperato Bordoni (che però è sempre un fuoco vivo in campo, nel bene e nel male), si è recuperata anche la qualità offensiva. Adesso c'è il Playout, ma francamente i granata hanno le carte in tavola per superare Piediluco o Albiceleste che sia.