Archivio news 22/10/2019

Esposito nel finale porta a casa il primo punto al Rosko: Maroso, che rimpianto!

CALCIO A 5 - SERIE C. Un pareggio che non può che alimentare i mugugni tra le due squadre in causa, che restano così nei bassifondi di classifica e con ancora "zero" sulla voce alla casella "vittorie". La Maroso domina per 2/3 di gara, si porta avanti con un gol per tempo: Giurgi prima, Peppucci poi; ma si fa rimontare dalla doppietta di Salvatore Esposito nei minuti conclusivi.

Calcio a 5 - Serie C - E' un punto che, guardando la classifica, a pochi turni dalla chiusura della prima fase dell'apertura, serve poco ad entrambe. Maroso e Rosko si dividono la posta e danno formalmente "addio" al (pur difficile) sogno sesto posto e quindi Playoff promozione. A Terni Est va in scena una sfida tra due compagini a caccia ancora di conferme. Soprattutto la Maroso, nuova iscritta nel futsal che deve certamente rodare al meglio il proprio gioco. Sono i bianco-verdi di Marcantuoni a fare la voce grossa nel primo tempo, dominando in lungo e in largo con un gioco poco in salsa futsal, ma sicuramente pragmatico e propositivo, con Sabbatini e Peppucci a impegnare ripetutamente il portiere Nico Romani, che è il baluardo di un Rosko che nella prima frazione di gioco sembra non esserci. La rete che sblocca la gara arriva solo verso la fine del primo tempo, con il neo entrato Giurgi che con un radente tiro batte il portiere e chiude i conti sul punteggio di 1-0. All'intervallo Mister Marco Falocco scuote i suoi, e la squadra sembra rispondere, ma deve fare i conti con il portiere della Maroso Ferri, autore di due interventi (special-modo uno su Falocco) strappa-applausi. Nel momento migliore del Rosko, arriva la doccia gelata: Peppucci s'inventa un controllo a eludere due marcatori, e di giustezza supera Romani per il gol del 2-0. Esulta la panchina della Maroso, che forse però da per vinta già la gara. Ma è qui che subentrano i "peccati di gioventù" nel futsal, poichè i bianco-verdi arrivano ben presto al quinto fallo (intorno al 12'), e di fatto, presto o tardi arriva il sesto: Il tiro libero giunte a 4' dalla fine, e Sasà Esposito è perfetto nella sua prima esecuzione dimezzando lo svantaggio. Poi, a 100 secondi dal termine, arriva il pareggio: sempre con Esposito, che mette a terra con freddezza il portiere prima di sospingere in porta il gol del pari. Poco prima però, dubbi su un contatto (secondo la panchina della Maroso falloso) subito da un bianco-verde ma non reputato tale dall'arbitro. Nel recupero succede di tutto: Dapprima il Rosko ha un altro tiro libero: ma stavolta Esposito calcia alle stelle. Poi, Romani, in un'uscita killer prende la sfera con le mani dal limite dell'area: la conseguente punizione (una sorta di rigore con la barriera) non ha effetto positivo, e il match si chiude con un pareggio. In classifica la Maroso si porta a due punti, il Rosko ottiene invece il suo primo punticino. Le due compagini si rivedranno quasi senz'altro in Mitropa Cup.
TOP & FLOP - Roberto Peppucci ha i colpi giusti per una Maroso in cerca di crescita, anche se talvolta forza fin troppo la giocata. Malafoglia nel primo tempo domina la scena, ma trova un insuperabile Romani di contro (lui e Ferri, i due portieri, i migliori in campo). Da rivedere la gestione dei falli della Maroso: un eccesso di foga agonistica non sempre paga. Rosko più nervoso del passato, e talvolta inconcludente nella trama: il primo tempo deve far riflettere, perchè così si farà fatica anche in Mitropa Cup.